ANIMALI IN CONDOMINIO

animalicondominioGentile Avvocato sto per trasferirmi in condominio insieme al mio cane. Il vecchio proprietario dal quale ho acquistato la mia nuova casa mi ha detto che i condomini sono abbastanza tranquilli e tolleranti. Vorrei sapere se ci sono dei divieti e dei limiti per gli animali in condominio. Grazie. C.

Gentile Signora, dopo la riforma del condominio il nuovo art.1138 del Codice Civile dichiara espressamente che il regolamento non può vietare il possesso o la semplice detenzione di animali domestici in casa o all'interno del condominio.

Nulla sembra essere cambiato però per i regolamenti già in uso prima della riforma, perché la nuova disposizione di legge, che non tutela un interesse di ordine pubblico, è destinata ad avere efficacia solo per il futuro, secondo il principio vigente nel nostro ordinamento dell’irretroattività della legge.

Siccome la norma non è inderogabile, il divieto potrebbe continuare a esistere anche in futuro in un regolamento di natura contrattuale, a condizione che la relativa clausola fosse trascritta nei pubblici registri immobiliari, al fine di renderla opponibile al nuovo acquirente.

È facoltà dell'assemblea stabilire le regole che devono essere rispettate dai proprietari degli animali nell'uso delle parti comuni.

In ogni caso molto dipende dal rispetto che i padroni degli animali hanno delle regole condominiali.

Un aspetto interessante è la possibilità di usare l'ascensore con gli animali. Nel silenzio del regolamento, vietare a un condomino di usare l'ascensore con il proprio animale potrebbe essere legittimato solo da motivi igienico-sanitari, da valutarsi di volta in volta.

Lo stesso principio giustifica la limitazione al numero degli animali che il condomino può detenere.

Parentesi non trascurabile: i rischi in cui incorre il proprietario-custode dell'animale, qualora questo diventi fonte di immissioni (rumori e/o odori) tali da cagionare malessere e insofferenza. Se il continuo abbaiare del cane o le esalazioni maleodoranti superano i limiti di tollerabilità, è possibile l'intervento di un giudice che ordini la cessazione delle immissioni, fermo il diritto degli altri condomini di richiedere il risarcimento per il danno subito.

Le consiglio, se non lo ha ancora fatto, di verificare se esiste e cosa prevede il regolamento condominiale sull’argomento e, in caso di silenzio assoluto su questo aspetto, potrà farsi Lei stessa promotrice di una proposta per regolamentare la vita degli animali nel condominio.

A mio giudizio, poche e semplici regole sono sempre da preferire al vuoto normativo.

I servizi per gli utenti

Alcune delle specializzazioni di cui potrete avvalervi.

Diritto civile

L'insieme di norme che regolano i rapporti tra privati (diritti reali, obbligazioni e contratti, diritti e capacità della persona).

Diritto di famiglia

È il complesso di norme che disciplina i rapporti personali e patrimoniali nella famiglia tradizionale e in quella di fatto.

Tutela del consumatore

Difesa dei diritti e degli interessi del cittadino, inteso come fruitore di beni materiali e servizi per uso privato.

Infortunistica stradale

Assistenza e consulenza a chi è coinvolto in un sinistro.

Locazioni e condominio

Contrattualistica, assistenza e tutela sugli immobili.

Recupero crediti

Attività stragiudiziale e giudiziale rivolta ad ottenere il pagamento di un credito.

Vai al blog del sito

Ultimi aggiornamenti